BLOG NEWS tutte le notizie per categoria

Le non-udienze a trattazione scritta, una questione politica prima ancora che processuale. Avv. Gianmaria V. L. Bonanno

26 maggio 2022

Sono trascorsi ormai due anni da quando abbiamo manifestato il fondato timore che un uso sempre più diffuso – se non esclusivo – della trattazione scritta dell’udienza avrebbe costituito non solo un’inutile e confusionaria complicazione processuale, ma anche e soprattutto che avrebbe determinato un allontanamento del difensore dal processo, più o meno voluto.

Sulla scorta di tali timori e sul senso di responsabilità che ci appartiene abbiamo prontamente reagito per affrontare la “crisi processuale” dovuta all’emergenza sanitaria, trovando nell’udienza da remoto, ove non fosse stata possibile la celebrazione in presenza, l’unica vera valida alternativa di svolgimento dell’udienza, sebbene i vertici stessi dell’Avvocatura non ne fossero pienamente convinti.

Oggi, purtroppo, dobbiamo amaramente constatare che avevamo ragione e che la quasi totalità della Magistratura civile è ricorsa – e continua a ricorrere – alla trattazione cartolare in modo indiscriminato, grazie anche al mancato contrasto di questo mezzo e all’arbitrario potere decisionale lasciato ai capi degli uffici giudiziari sul punto, creando, per lo più, confusione e compromissione del contradditorio nel processo e, cosa ancora più grave, spingendo e relegando il difensore ai margini dello stesso, lì dove è proprio l’attività in udienza a rappresentare l’immediatezza del contraddittorio, il controllo sul regolare andamento del processo e la sintesi del confronto processuale e giuridico nel merito.

A quasi cento anni dalla prima volta in cui fu scritta questa frase, siamo a riaffermare con uno dei padri del processo italiano che “la libertà del decidere vuole l’aria e la luce dell’udienza” e che l’oralità è un valore e una declinazione del contraddittorio, non un ostacolo alla definizione di una lite giudiziaria.

Non possiamo quindi che ribadire, nel rivolgerci alle Istituzioni forensi e alla Magistratura, la nostra ferma contrarietà allo svolgimento dell’udienza mediante la trattazione scritta, per dovere riaffermare, sempre e comunque, la necessità della presenza del difensore in udienza e, ove ricorra l’emergenza, che la stessa sia svolta da remoto, consentendo al difensore la possibilità immediata di dire e contraddire…

Movimento Forense Dipartimento Nazionale Giustizia Telematica

Avv. Gianmaria Vito Livio Bonanno

Avv. Edoardo Ferraro, Avv. Ciro Salmieri, Avv. Marco Appetiti, Avv. Milena Lucia Pepe, Avv. Adriano Scardaccione, Avv. Pasquale Orrico, Avv. Mauro Lanzieri, Avv. Calogera Rosaria Barraco, Avv. Maela Coccato, Avv. Antonio Zago, Avv. Lidia Caso, Avv. Barbara Dalle Pezze, Avv. Agnese Franceschini, Avv. Paolo Alfano, Avv. Alessandro Benvegnù, Avv. Michele Ducoli, Avv. Fabio Fracon, Avv. Francesco Saverio Pavone, Avv. Piero Baldon, Avv. Fabio Raneri

Archivio news

 

Categorie

Formazione professionale

Diritto

 

News dello studio

nov14

14/11/2022

Il primo BOOT CAMP per avvocati. Polisportiva Movimento Forense Roma. 27 novembre 2022. Avv. Laura Murolo

Gentile Collega, la Polisportiva del Movimento Forense - Sezione di Roma, in collaborazione con Movis Lab – Movimento & Salute è lieta di invitarti domenica 27 novembre, dalle ore

nov3

03/11/2022

Convegno telematico "Lo studio legale open source". Webinar, 17 novembre 2022. Avv. Gianmaria V. L. Bonanno, Avv. Dario Tornese

Giovedì 17 novembre 2022 parteciperemo come moderatore e relatori al convegno "Lo studio legale open source", organizzato dal Dipartimento Nazionale Giustizia Telematica Movimento Forense

ott14

14/10/2022

L'avviso ex art. 543 c.p.c. nel pignoramento presso terzi. Modello. Avv. Gianmaria V. L. Bonanno

Seguendo l'interpretazione giuridica per noi più corretta, che, peraltro, ha già incontrato il favore di parte dei giudici dell'esecuzione, come da comunicato del 12/10/2022 in calce

News

dic1

01/12/2022

Vitalizi ex senatori: inammissibili le questioni di legittimità costituzionale

Non è sindacabile dalla Consulta, ma dagli

dic1

01/12/2022

Il decreto su rave party e reati ostativi è illegittimo: la denuncia delle Camere Penali

Per il Presidente delle Camere Penali italiane,

dic1

01/12/2022

Avvocati: non producibile in giudizio la corrispondenza riservata

Il dovere di difesa non giustifica la commissione