Compensi professionali

Attualmente nel nostro Ordinamento la pattuizione del compenso tra cliente/assistito e avvocato è libera e lasciata all’accordo tra le parti.

Il nostro studio legale applica in via ordinaria e prediletta i compensi così come determinati dai parametri previsti per la liquidazione degli stessi da parte degli organi giurisdizionali e regolamentati dal decreto 10 marzo 2014 n. 55 del Ministero della giustizia (tabella).

Ciò consente di concordare i compensi oltre che per l’intera attività anche per le singole fasi quali:

fase di studio della controversia;

fase introduttiva del giudizio;

fase istruttoria e/o di trattazione;

fase decisionale;

fase unica.

I compensi per prestazioni stragiudiziali, invece, sono onnicomprensivi in relazione ad ogni attività inerente l’affare. L’attività stragiudiziale svolta prima o in concomitanza con l’attività giudiziale, che riveste una autonoma rilevanza rispetto a quest’ultima, è di regola calcolata e liquidata separatamente, sempre in base ai parametri di cui al citato decreto ministeriale. 

I compensi così determinati sono sempre applicabili, anche in assenza di un accordo scritto. Oltre ai compensi professionali previsti e concordati, cui devono essere aggiunti gli oneri previdenziali al 4% e l’IVA al 22%, è previsto il rimborso delle spese documentate e sostenute per l’espletamento dell’incarico, il rimborso delle spese forfettarie in misura del 15% del compenso totale e quello delle eventuali spese di trasferta, nonché l'anticipazione delle spese di giustizia.

Ai fini dell’accordo sulla liquidazione del compenso teniamo conto delle caratteristiche, dell'urgenza e del pregio dell'attività prestata, dell'importanza, della natura, della difficoltà e del valore dell'affare, delle condizioni soggettive del cliente, dei risultati conseguiti, del numero e della complessità delle questioni giuridiche e di fatto trattate; in ordine alla difficoltà dell'affare teniamo particolare conto dei contrasti giurisprudenziali, e della quantità e del contenuto della corrispondenza che risulta essere stato necessario intrattenere con il cliente, l’assistito e con altri soggetti.

In ragione dell’eventuale rapporto di clientela, della continuatività e stabilità delle prestazioni o delle particolarità dell’attività da svolgere, è sempre possibile stabilire accordi differenti da quelli sopra descritti che prevedono la determinazione del compenso:

in misura forfettaria;

per convenzione avente ad oggetto uno o più affari;

a tempo e in base all’assolvimento e ai tempi di erogazione della prestazione;

a percentuale sul valore dell’affare o su quanto si prevede possa giovarsene, non soltanto a livello strettamente patrimoniale, il destinatario della prestazione.

News dello studio

nov14

14/11/2022

Il primo BOOT CAMP per avvocati. Polisportiva Movimento Forense Roma. 27 novembre 2022. Avv. Laura Murolo

Gentile Collega, la Polisportiva del Movimento Forense - Sezione di Roma, in collaborazione con Movis Lab – Movimento & Salute è lieta di invitarti domenica 27 novembre, dalle ore

nov3

03/11/2022

Convegno telematico "Lo studio legale open source". Webinar, 17 novembre 2022. Avv. Gianmaria V. L. Bonanno, Avv. Dario Tornese

Giovedì 17 novembre 2022 parteciperemo come moderatore e relatori al convegno "Lo studio legale open source", organizzato dal Dipartimento Nazionale Giustizia Telematica Movimento Forense

ott14

14/10/2022

L'avviso ex art. 543 c.p.c. nel pignoramento presso terzi. Modello. Avv. Gianmaria V. L. Bonanno

Seguendo l'interpretazione giuridica per noi più corretta, che, peraltro, ha già incontrato il favore di parte dei giudici dell'esecuzione, come da comunicato del 12/10/2022 in calce

News

dic1

01/12/2022

Vitalizi ex senatori: inammissibili le questioni di legittimità costituzionale

Non è sindacabile dalla Consulta, ma dagli

dic1

01/12/2022

Il decreto su rave party e reati ostativi è illegittimo: la denuncia delle Camere Penali

Per il Presidente delle Camere Penali italiane,

dic1

01/12/2022

Avvocati: non producibile in giudizio la corrispondenza riservata

Il dovere di difesa non giustifica la commissione